E-MAIL E CITAZIONI

CONSULTATE LE PAGINE DI APPROFONDIMENTO CLICCANDO SUI TITOLI QUI SOPRA ^
PER CONTATTI, INFORMAZIONI, SUGGERIMENTI O CRITICHE POTETE SCRIVERE ALL'E-MAIL: fm.autostop@gmail.com

Lei è all'orizzonte. Mi avvicino di due passi, lei si allontana di due passi.
Cammino per dieci passi e l'orizzonte si sposta di dieci passi più in là.
Per quanto io cammini, non la raggiungerò mai.
A cosa serve l'UTOPIA?
Serve proprio a questo: a camminare.

Eduardo Galeano

Non puoi risolvere un problema con la stessa mentalità che l’ha generato.
Albert Einstein

BARTALI

"GLI E' TUTTO SBAGLIATO, GLI E' TUTTO DA RIFARE!" 
(Gino Bartali)

E’ inutile girarci attorno: è tutto il sistema che è sbagliato, non regge, è ingiusto. 

Distrugge, altro che progresso! Distrugge l’aria, la terra, le coscienze, le relazioni.

Non rispetta le regole che si è dato, ma anche rispettandole fa danni lo stesso.

Non ha limiti perché il limite non esiste, non esiste traguardo perché devi sempre andare oltre, superarti, crescere a dismisura. E per farlo devi riempire sempre nuovi spazi, sottrarli agli altri, allargarti a tutti i costi senza badare agli ostacoli che piuttosto vanno abbattuti, siano essi tali o presunti.

Devi consumare più che puoi perché questo è l’unico carburante che fa girare tutto il motore. Consumare ovvero deteriorare, intaccare, rovinare, rendere inservibile.

Una follia.

Chiamatelo come volete, democrazia occidentale industrializzata, capitalismo, economia sviluppata, ma la sostanza è sempre la stessa: non funziona, oltre ad essere terribilmente diseguale.

Domina ormai in ogni angolo del pianeta (perfino e forse ancora di più in quei paesi che si definiscono ridicolmente “comunisti”) ma se puoi dire “sto bene” nella tua bella casetta dotata di tutti i comfort, non lo puoi dire se nasci in una “bidonville”. Eppure sono le stesse regole qui e lì, anzi se il piatto della bilancia da questa parte è così in alto e proprio perché l’altro sprofonda sempre più giù.

Non funziona perché è del tutto irrazionale e moralmente inaccettabile.

Inaccettabile che una persona  abbia, da sola, un patrimonio equivalente a quello di intere nazioni abitate da milioni di esseri umani.

Indecente che da una parte si spendano montagne di soldi per dimagrire e dall’altra si muoia senza cibo con le mosche appiccicate sulla faccia.

Incomprensibile che il grado di benessere (e quindi di felicità secondo quest’insana equivalenza) venga misurato dal possesso di beni materiali, dall’escalation degli acquisti, dall’inutilità dell’avere eccessivo.

Si possono provare tutti gli stratagemmi possibili per correggere questa deriva, ma saranno solo palliativi e i problemi, se tutto va bene, si porranno di nuovo tra 5, 10 o 20 anni più esplosivi e meno risolvibili di prima.

Insomma occorre praticare qualcosa di radicalmente diverso, che sovverta le regole del gioco per renderlo finalmente pulito, senza trucchi, eguale e partecipato.

Che rimetta al centro di tutte le attenzioni la persona umana con i suoi reali e non artefatti bisogni, con le sue capacità, le sue aspirazioni e perfino le sue debolezze.

Con la sua voglia di stare bene, tutti.

Che lo si chiami umanesimo, cristianesimo, socialismo o quel che si vuole non ha nessuna importanza.

L’importante è capire che il tunnel che abbiamo imboccato non ha vie di uscita e che fare retromarcia è l’unica scelta ragionevole.

Franco Mastrangelo
27 giugno 2012

Nessun commento:

Posta un commento